Attacchi di Panico

"L’attacco di panico è la forma più estrema e intensa dell’ansia ed ha le caratteristiche di una crisi"

Attacchi di Panico

I sintomi dell’ansia sono: palpitazioni, tachicardia, sudorazione, tremori, difficoltà a respirare, dolore al petto, nausea, sensazione di sbandamento/ instabilità/ svenimento, disturbi gastro-intestinali, derealizzazione (l’ambiente e le situazioni quotidiane vengono percepite con un senso di estraneità), depersonalizzazione (sentirsi distaccati da se stessi), paura di perdere il controllo o di impazzire, paura di morire, formicolii.

Quando almeno quattro dei sintomi sopra descritti si presentano contemporaneamente in un breve periodo di tempo (circa 10 minuti) si parla di attacco di panico. Gli attacchi di panico sono molto frequenti nella popolazione, soprattutto nelle donne. L’attacco di panico è la forma più estrema e intensa dell’ansia ed ha le caratteristiche di una crisi.
Nel corso della vita, in periodi di stress emotivo, può accadere di avere qualche sporadico attacco di panico, ma ciò non significa che si soffre di disturbo di panico. Tuttavia quando si innesca la “paura della paura” ci ritroviamo in un circolo vizioso in cui attiviamo una serie di strategie per evitare un altro attacco di panico, in questo caso siamo di fronte al Disturbo da Attacchi di Panico.

Chi ne soffre ha attacchi di panico inaspettati e ripetuti. Inoltre, nel periodo di tempo successivo ad essi (almeno un mese), si preoccupa sia dell’eventuale ripresentarsi di questi (paura della paura), che delle loro implicazioni (es. gravi malattie come infarto, paura di impazzire e/o di perdere il controllo, paura di morire).